Monday, March 31, 2008

UN TE DA MATTI!!

..."Raccontaci una storia!" Disse la Lepre Marzolina al Ghiro.
-"Sì, ti prego!" implorò Alice.
-"E sbrigati", aggiunse il Cappellaio, "o ti addormenterai di nuovo prima della fine."
-"C'erano una volta tre sorelline", cominciò il Ghiro in gran fretta, "che si chiamavano Elsie Lacie e Tillie; abitavano in fondo a un pozzo..."
-"E che mangiavano?" disse Alice che mostrava sempre un grande interesse per quanto riguardava cibi e bevande.
-"Si nutrivano di melassa", disse il Ghiro dopo avere riflettuto un minuto o due.
-"Ma è impossibile, sai", osservò gentilmente Alice. "Gli avrebbe fatto male."
-"Infatti", disse il Ghiro, "stavano malissimo."
Per un po' Alice cercò di immaginarsi un'esistenza simile, ma non ci riusciva e continuò: "Ma perché vivevano in fondo a un pozzo?"
-"Prendi dell'altro tè", disse seria ad Alice la Lepre Marzolina.
-"Ancora non ne ho avuto affatto", rispose Alice in tono offeso; "ragion per cui non posso prenderne dell'altro."
-"Vuoi dire che non puoi prenderne di meno", disse il Cappellaio; "se non si è avuto niente non si può prendere qualcosa."
 
Leggere Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll, è come vedere il mondo al rovescio senza stupirci delle cose strampalate e assurde che succedono. 
E' uno di quei libri che si dovrebbero tenere sempre vicini e aprire di tanto in tanto per seguire il Bianconiglio nella sua tana. Cosa c'è di più divertente di una partita di croquet con un mazzo di carte o di prendere il tè con il Cappellaio Matto?
Volete sentire le avventure di Alice? Qui c'è un audio libro.
Volete vedere il tè con il Cappellaio Matto? clicca il titolo

Wednesday, March 26, 2008

giorno di mercato




I mercati mi affascinano. Ogni volta che mi trovo in un posto sconosciuto, per prima cosa, chiedo quando è il giorno di mercato. 
Sarà il caos, gli odori, i colori o il vocio dei venditori; diversi e uguali in ogni parte del mondo.
 

bambole in viaggio


Queste due bambole, in realtà erano tre, le ho fatte seguendo le istruzioni  di 
 una rivista canadese. Hanno anche un nome, che è lo stesso della proprietaria. 
La prima si chiama Tiziana ed è partita per Parigi insieme alla sua omonima. La seconda, in alto con il vestito jeans si chiama Martina. Il suo viaggio è stato più breve:Roma. La terza, con il vestito rosso si chiama Fabia e forse andrà in Spagna. 
Spero di ricevere una loro cartolina di quando in quando. 
Volete fare delle bambole? Qui c'è un bel sito. E' in inglese; ma si tratta solo di stampare il modello, cucire ed imbottire.

Thursday, March 20, 2008

aspiranti clown

ECCOCI. IN MEZZO A QUEL MUCCHIO DI VESTITI E OGGETTI, SI TROVA IL NOSTRO CLOWN. ROVISTANDO COME BAMBINI NEL BAULE DELLA NONNA, LO ABBIAMO VESTITO.  ORA VIENE LA PARTE PIU DIFFICILE...FAR GIOCARE I NOSTRI CLOWN
  PUFF!!!!!FORZA RAGAZZI!!!! LA MAGIA E' DIETRO L'ANGOLO. (SPERO...)

Wednesday, March 12, 2008

tramonti


...Ma sul tuo piccolo pianeta ti bastava spostare la tua sedia di qualche passo.  E guardavi il crepuscolo tutte le volte che volevi..."Un giorno ho visto il sole tramontare quarantatré volte"
E più tardi hai soggiunto:
"Sai...quando si è molto tristi si amano i tramonti..."
"Il giorno delle quarantatré volte eri tanto triste?"  Ma il piccolo principe non rispose.

 IL PICCOLO PRINCIPE  (Antoine de Saint-Exupéry)

Questo è uno dei più bei libri che ho letto. Forse perché arrivata alla seconda pagina, non ho più l'impressione di leggere l'opera di un uomo grande che pilotava aerei che portavano la posta da un punto all'altro del Sudamerica, o attraversava il deserto e il mare come pilota di guerra. 
E'  il piccolo principe bambino che mi racconta quanto gli adulti, a volte siamo ridicoli,deboli,vanitosi e  sciocchi.    
(cliccando il titolo, troverete il libro originale)